Libretto di risparmio nominativi.

 

Possono essere intestati fino ad un massimo di 4 persone, godono di tassi di rendimento sulle somme depositate dell’ordine del 2,00% lordo (rendimento giallo) e del 2,50% lordo (rendimento oro). – N.B. i rendimenti sono variabili –
Per chi deposita costantemente il denaro sui libretti nominativi è fondamentale rientrare nel tasso di rendimento oro, il guadagno di mezzo punto lordo può significare una cifra significativa per grossi risparmi.
Come si calcola il tasso di rendimento? Il passaggio da giallo a oro avviene per quei depositi che hanno presentato una percentuale di crescita sulla giacenza annua media maggiore del 35% (in caso di incrementi minori o uguali al 35% si applica il tasso di rendimento giallo).
L’assegnazione della classe di rendimento viene vatta all’atto della registrazione annuale degli interessi maturati, il sistema fa il calcolo e sul libretto viene scritto e stampata la classe di rendimento (oro o gialla).
E’ possibile calcolare preliminarmente la propria classe di rendimento, bisogna applicare una formula per calcolare la giacenza media, da questa si calcola la classe di rendimento (la fomula la trovate sul prospetto infomativo del suddetto prodotto finanziario: la sommatoria dei saldi liquidi giornalieri razionalizzata a 365 viene divisa per il numero dei giorni dellìanno solare, in poche parole conviene depositare quanto prima nell’arco dell’anno il denaro, se i depositi avvengono a fine anno si corre il rischio di restare al tasso di rendimento giallo).

Dicembre 2011: l’uso del libretto postale nominativo potrebbe essere una soluzione per non essere obbligati ad aprire un conto corrente per incassare una pensione di valore a 500 euro mensili, il recente decreto “salva Italia” prevede infatti l’impossibilità di riscuotere in contanti il denaro della pensione per cifre superiori a 500 euro; aprendo un libretto postale, senza costo di tenuta, si può far accreditare la pensione e riscuoterla allo sportello già l’1 del mese o depositandola con un semplice “aggiornamento” del libretto allo sportello. In alternativa si può riscuotere l’importo allo sportello bancomat con la carta di pagamento abbinabile al libretto stesso.