Categoria: Mercato Immobiliare

Investimento immobiliare.

 

Gennaio 2012: per chi vuole investire nel mattone questo è un periodo buono per i prezzi, le prospettive però per questo mercato sono ancora negative per i prossimi anni (ricordiamo che i cicli del mercato immobiliare sono molto lunghi e possono abbracciare anche un decennio, adesso veniamo fuori da un pari periodo di rialzi dei prezzi), è fondamentale ottenere un buon ribasso sul prezzo nella compravendita, in questo modo si può tamponare la svalutazione degli immobili in corso.
Una delle difficoltà maggiori che il mercato immobiliare incontra in questo periodo è la stretta sul credito per i mutui casa e la minore disponibilità delle banche nel concedere grosse cifre.

Dato Sett. 2007 – Da risultati emersi da studi fatti da professionisti del settore compravendita casa è emerso che nelle grandi città i prezzi sono fermi da circa un anno, in numero complessivo delle compravendite è presisto in contrazione del 3% nel prossimo anno (il prezzo continuerà a restare stabile).
Molti acquirenti nell’impossibilità di comprare una casa nelle grandi città ai prezzi attuali, si stanno orientando presso piccole cittadine immediatamente prossime a questi stessi centri urbani, tali comuni hanno spesso la caratteristica di essere ben collegate a centri principali con via a scorrimento veloce, solitamente la percorrenza massima accettata è di circa un’ora di automobile; in tali contesti il prezzo è in aumento del 2 e il 3%.
Facciamo alcuni esempi: Napoli fa riferimento a comuni del Casertano e alla zona del Nolano; Milano fa riferimento a Pavia, Lodi , Monza; Roma fa riferimento a Ostia, Anzio fino a Latina.
L’investimento immobiliare per avere una rendita da affitto è diventato meno conveniente, a fronte della spesa del capitale si un rendimento netto sotto il 4% annuo; risulta di gran lunga più conveniente l’investimento in pertinenze quali box e posti auto in genere di proprietà (garantiscono guadagni fino al 6%).

Mercato immobiliare.

 

 

L’investitore come si deve porre nei confronti del mercato immobiliare? Deve investire ma con più cautela rispetto a qualche anno fà.
Comprare casa per investimento, spesso l’uso non è di tipo abitativo ma speculativo, se attualmente in alcune zone non rende nel breve periodo, consente almeno di mantenere il capitale intatto; la coda del trend al rialzo delgi ultimi anni si osserva ancora nel Sud italia dove i prezzi contuinuano inesorabilmente ad aumentare, nel Settrentrione d’Italia i prezzi stanno subendo un raffreddamento (attenzione non un ribasso ma un rallentamento della corsa al rialzo), tale scenario è in parte anche dovuto all’aumento del costo del denaro e da un leggero ribasso dei canoni di locazione (locazione dei bilocali (+0.3%) e dei trilocali (-0.2%)).
Alcuni immobili per la loro collocazione centrale ed elevata quadratura molto spesso risultano (visto l’elevato prezzo) invendibili ad un unico nucleo familiare (che essendosi ridotto in numero, difficilmente ha bisogno di tanto spazio vitale), l’investitore sta ovviando a tale nuovo scenario comprando un immobile di notevoli dimensioni e frazionandolo in più abitazioni mono o bilocali, in questo modo i prezzi e la grandezza ridiventano a misura d’uomo.

Investimento immobiliare in una seconda casa.

 

Analizziamo quando conviene investire i propri risparmi in una seconda casa: l’investitore medio pensa ad un investimendo a lungo termine che gli garantisca una rendita sicura e costante e al contempo una rivalutazione del suo bene, questo è l’immobile ideale su cui investire come seconda casa (casa da mettere a reddito).
Prima di procedere ad un qualsisi acquisto bisogna fare un’indagine di mercato dettagliata; scopriamo i punti da valutare nella selezione dell’immobile: come primo punto cercare una casa che corrisponda quanto più possibile al taglio richiesto dal mercato – nelle grandi città preferibilmente vengono affittati i trilocali e bilocali (insieme raggiungono oltre il 70%), dare importanza anche ai servizi presenti in zona (collegamenti viari e mezzi di trasporto, spazi verdi attrezzati etc).
Se siete impossibilitati ad acquistare al centro delle città, ripiegate sull’immediata periferia che, molto probabilmente con l’espandersi delle città, diventeranno ben presto parte integrante del centro.

Altra cosa è ottenere un rendimento elevato: evitate case con portineria, gli affittuari considerano tale spesa un costo fisso spesso superfluo e troppo oneroso, un altro aspetto che potrebbere ridurre la redditività attesa dall’immobile sono eventuali spese di manutenzione straordinaria agli immobili e/o ristrutturazioni in fase di deliberazione (accertarsi che siano state già deliberate prima del vostro acquisto, in questo caso gli oneri spettano al venditore); in caso contrario dovreste pagare voi i lavori abbattendo il ricavo netto dall’immobile.

Ultimo consiglio, se possibile acquistate in zone universitarie, gli studenti (o meglio i genitori) pagano bene e in caso di necessità, lasciano con maggiore facilità l’immobile libero.
Ricordate che l’acquisto potrebbe essere fatto anche a costo zero se disponete di credito sufficiente, attraverso un “mutuo per investimento” è possibile pagare la rata del mutuo con l’affitto dell’immobile.
Il Governo ha deciso di semplificare la fiscalita delle case in affitto con una cedolare secca tra il 20 e il 25%.

Investire nel mattone americano

Dopo lo scoppio della bolla speculativa della case in America, la crisi finanziaria dovuta ai mutui subprime, la perdita di migliaia di abitazioni per involvenza dei debitori, il prezzo delle case in america è sceso a valori estremamente bassi, non si è cominciato a ricostruire e dunque le case in vendita potenzialmente possono riprendere valore nel medio termine.
Il cambio favorevole dell’euro sul dollaro rappresenta un’ulteriore opportunica di business per chi desidere acquistare casa negli Usa; nella scelta della vostra soluzione per investimento valutate questi criteri: non scegliere immibili in legno (preferite il cemento e le città); preferibilmente negli stati della costa nord orientale dove si è avuta meno contrazione del valore e meno speculazione; non acquistate case vendute all’asta (potrebbero valere zero per mancanza di impianti e servizi in seguito all’abbandono del propietario e passaggio alla banca).
Tra le città che vi consigliamo per garantirvi un reddito immobiliare estero: New York, Miami, Orlando, Chicago.